Il Primo Portale Italiano sulle Lesioni Croniche Cutanee

La terapia

Condividi
Condividi

Vanno eliminati gli eventuali stimoli esogeno. La dieta a basso contenuto antigenico, simile a quella impiegata nei pazienti con allergia alimentare, agevolerebbe la clearance delle crioglobuline, alleggerendo la saturazione del sistema monocitico-macrofagico epaticoL.
In caso di infezioni si consiglia l’utilizzo di antibiotici per via sistemica.
Se la e concomitante con un’altra patologia, quest’ultima dovrà essere trattata. Questo gruppo di vasculiti hanno una brillante risposta al cortisone.
Nei casi in cui all’interessamento cutanee segue o è associata una malattia d’organo deve essere instaurato il regime terapeutico previsto per le vasculiti sistemiche necrotizzanti che comprendente farmaci come la ciclofosfamide.

I cortisonici

E’ ancora discusso se bassi dosi di steroidi ( 10 mg/die di prednisone , ad es.) somministrate per brevi periodi possano modificare la storia naturale dell’infezione da HCV. Sicuramente vi sono delle manifestazioni cliniche delle vasculiti che rispondono positivamente alla somministrazione di cortisonici (Triade di Meltzer-Franklin e Neuropatia). La somministrazione di Cortisone ( prednisolone ) i, è consigliata nei casi in cui la presenza di crioglobuline – HCV non sia accompagnata da nessuna evidenzia clinica di danno epatico.

In caso di presenza di ULCERE CUTANEE l’impiego dello steroide a dosaggi elevati si impone, sia pure per brevi periodi ed eventualmente associato a plasmaferesi.

Terapia antivirale

Questa è rappresentata dall’utilizzo dell’Interferone Alfa + Ribavirina .

Tale approccio terapeutico, di tipo “etiologico”, infatti determina una risposta favorevole in circa il 60 – 65% dei pazienti. Ma in molti di quelli che rispondono favorevolmente, alla sospensione della terapia si osserva una recidiva con ricomparsa delle manifestazioni Crio- tanto che si può stimare che soltanto il 25% dei pazienti trattati rimane in remissione duratura.

Terapia immunosoppressiva

In caso di ulcera cutanea la terapia immunosoppressiva è indicata.
Vanno utilizzati quando l’ulcera è espressione e/o si accompagna ad altre manifestazioni di vasculite sistemica severa: mononeurite multipla o neuropatia periferica acuta ;gangrena periferica ; manifestazioni extraarticolari attive quali pleurite, pericardite, sclerite manifestazioni sistemiche associate a dimostrazione bioptica di arterite necrotizzante acuta.

IN ALCUNE VASCULITI SISTEMICHE L’IMMUNOSOPPRESSORE NON VA UTILIZZATO.

E’ il caso della PANARTRITE NODOSA HBV correlata e della crioglobulinemia mista essenziale HCVAb positiva, nelle quali l’impiego dell’immunosoppressore è altamente rischioso mentre è possibile ottenere risultati eccellenti con interferone-pegilato associato alla plasmaferesi oppure con anticorpi monoclonali.

L’immunosoppressore maggiormente utilizzato in terapia d’attacco è la CICLOFOSFAMIDE.
Altri immunosoppressori (quali AZATIOPRINA ed il METOTRESSATO) possono trovare impiego nella terapia di mantenimento.
Vanno impiegati per tempi lunghi : per solito, non inferiori ad 1 anno.
Ciclofosfamide per os : 3 mg/kg/die in boli mensili : 500-1000 mg/mq
Il bolo viene utilizzato per indurre la remissione.

Resta aggiornato!

Letta la Privacy Policy, cliccando su “Iscriviti” acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per l’invio della newsletter settimanale, accesso in anteprima ai contenuti e promozioni. Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento.